“Normalmente delinquono”

Postato il maggio 12, 2010 da Daniele

La ‘normale’ – detta anche gaussiana – è una curva a forma di campana che descrive l’andamento degli eventi casuali. Dire che una cosa è ‘normale’, significa dire che sta ‘dentro’ la campana e non sulle sue code. Significa dire che quella cosa capita nel 95% dei casi.

Insomma, ipotizziamo che uno dica “a Milano normalmente piove”, tradotto in numeri vorrebbe dire che a Milano piove 95 giorni su 100, cioè per oltre 11 mesi l’anno (allegra prospettiva, no?).

Ma siccome nel nostro paese l’analfabetismo scientifico è piuttosto radicato, non si può attaccare Letizia Moratti per l’uso improprio del concetto di normalità, quando dichiara che “i clandestini che non hanno un lavoro regolare normalmente delinquono”.

Non credo che il sindaco di Milano pensi che il 95% dei cosiddetti ‘clandestini’ – termine terribile: questo sì che si deve criticare – delinquono.

Poi, diciamolo, non ha mica tutti i torti: una persona in condizione di indigenza – che sia straniero o meno – facilmente è anche disperata, ed è più facile che cerchi di sopravvivere in modo illecito, (vabbè, la facile battuta è che non è sempre vero, e che condannati in via definitiva ce ne sono anche tra coloro che proprio poveri non sono, ma andiamo oltre).

Milano e il suo sindaco hanno però un’occasione importante per fare in modo che al mondo ci siano sempre meno disperati, sempre meno persone che si mettono in viaggio e vanno incontro a situazioni precarie pur di sopravvivere.

Milano ha vinto la possibilità di ospitare l’Expo 2015 con lo slogan Nutrire il pianeta, energia per la vita.

D’ora in poi dai suoi rappresentanti ci aspettiamo soprattutto idee e proposte su come far sì che nessun essere umano, nel pianeta, debba più soffrire la fame.

Noi, che siamo impegnati in Operazione Fame, vogliamo contribuire a far sì che l’Expo sia davvero un’occasione per impegnarsi contro la fame.

Se anche voi avete suggerimenti, vi prego di postarli qui.

Commenti (4)

 

  1. silvia scrive:

    mi chiedo.. ma la politica italiana, su cosa si basa?? se poi ci ritroviamo ad essere rappresentati da gente che “parla” in questo modo?.. non ho parole

  2. margaret scrive:

    come dire… nel caso della moratti vale il detto “un bel tacer non fu mai scritto” …

    :-(

  3. Daniele scrive:

    Cara Silvia, cara Margaret,
    temo che molti politici italiani alle volte facciano dichiarazioni ‘a favore del vento’. Anziché proporre loro soluzioni ai problemi e promuovere l’innovazione, fanno da megafono alle paure delle persone, paure spesso molto irrazionali. Ma a Milano nel 2015 ci sarà l’expo ‘per nutrire’ il pianeta, dalle istituzioni meneghine ci si aspetta molto di più.

    Grazie

  4. Giovanna Adabbo scrive:

    La cosa che più mi dispiace è che dell’erba si faccia tutto un fascio. Non è giusto accusare gli extracomunitari di delinquere perché comunque la cattiva gente o la gente buona c’è in ogni popolazione, in ogni stato, in ogni nazione. Fra l’altro a volte e forse il più delle volte gli extracomunitari fanno dei lavori umili, e soprattutto nelle campagne, che noi non facciamo più e quindi contribuiscono a far andare avanti l’agricoltura. Bisogna pensare prima di parlare, le frontiere si sono aperte per aiutare la povera gente, il bene solitamente e il più delle volte è nell’animo di ognuno di noi e bisogna saperne fare buon uso.

Rispondi