Dal surreale al reale

Postato il ottobre 21, 2010 da Daniele

Sto facendo una personale classifica dei fatti più surreali. Nei posti più alti, recentemente, è entrato questo: il sistema dell’informazione che fa autocritica su se stesso.

Sull’omicidio di una povera ragazza, Sarah Scazzi, telegiornali, talk show, quotidiani su carta e quotidiani online, da tempo fanno gara a chi pubblica il particolare più sconvolgente. Salvo pubblicare, a fianco del titolone sparato a tutta forza, profondi commenti su come il voyeurismo della nostra società stia superando ogni limite.

Insomma, è un po’ come sentire i possessori di SUV lamentarsi per il traffico e l’inquinamento nelle città. Surreale, appunto.

Dobbiamo rassegnarci a tutto questo? Ovviamente no. E un metodo per ribellarsi è farci la nostra informazione da soli. Lo spazio per  diffondere notizie, promuovere idee, dare sfogo alla propria creatività esiste. Uno può farsi un blog, vero, ma non solo.

Insieme a Current tv – un canale che a fare qualcosa di diverso ci prova davvero – abbiamo lanciato il V-CAM Operazione Fame.

L’idea è di chiedere ai 40.000 sottoscrittori della comunità di Current, e a chiunque voglia cimentarsi con riprese e montaggio, di produrre uno spot di 30 secondi a sostegno di Operazione Fame. Chi vuole saperne di più segua le istruzioni fornite qui.

Ma prima di pensare ai vostri 30 secondi ideali contro la fame, dedicatene qualcuno a mandare un sms al 45509. Così facendo potrete donare 2 euro a Operazione Fame, precisamente a un progetto in favore di 700 bambini che vivono a Bangalore.  C’è ancora tempo sino a domenica.

E’ sufficiente, no?

Rispondi